Milano Finanza

Martedì 23 Aprile 2019 - Ore 11:00




Benvenuti in Bail in

Sabatini: la nuova Commissione dovrà cambiare le regole per le banche

"La nuova Commissione europea che uscirà dalle elezioni del prossimo 4 maggio dovrà rimettere mano alle regole del settore finanziario, perché quelle già in atto per il periodo di crisi rischiano di essere non più valide o obsolete nella fase di uscita dalla crisi". Quindi nuove regole con nuova Commissione è il messaggio che il direttore generale dell'Abi, Giovanni Sabatini, ha lanciato a Ravenna al seminario dell'associazione bancaria. "E' necessaria una agenda per la nuova Commissione europea per quanto riguarda il settore finanziario", ha detto Sabatini, "secondo me l'obiettivo è avere crescita e occupazione e quindi un'economia europea competitiva che abbia gli stessi ritmi di quei Paesi con cui siamo in competizione a partire da quello americano".

Per Sabatini c'è un primo punto di fondo che va riproposto. "Se l'obiettivo è quello della crescita e dell'occupazione, l'obiettivo della stabilità è sullo stesso livello o addirittura prioritario?", si domanda Sabatini,...
... continua

Bail In Tutte

  • Mediobanca, una buona notizia per le banche sul fronte Brexit

    Mentre in Gran Bretagna il cammino verso l'approvazione da parte del Parlamento inglese di una soft Brexit resta accidentato, secondo Mediobanca è una buona notizia il fatto che l'autorità di risoluzione unica potrebbe considerare di concedere più tempo per rimettere i piani in ordine


  • Le scuse costano

    Da Facebook a Wells Fargo, si moltiplicano le campagne in cui le aziende fanno ammenda degli errori per migliorare l’immagine. Ma a caro prezzo


  • Quel mirino sul credito

    Prima i risparmiatori colpiti dalle crisi bancarie, poi il governatore Visco. I primi incontri non politici di Conte hanno messo subito sotto tiro gli istituti. Un tema cruciale per il Salvimaio


  • Più sinergie tra Generali e la banca

    L’alleanza, che nel 2017 ha fruttato una raccolta di 1,7 mld di polizze Vita, è stata potenzialmente estesa a fondi pensioni e ramo Danni. Per il Leone c’è il divieto a lavorare con cinque concorrenti dell’istituto